Da molti anni La Casa dei Bambini Elena e Gabriella Miroglio propone, tra le sua attività, la pet education.
Accompagnare la crescita dei bambini con la presenza di un animale rappresenta un valore aggiunto all’educazione. Questa attività sviluppa, infatti, la capacità empatica dei bambini a leggere e comprendere le emozioni e i comportamenti altrui.

I benefici non sono soltanto a livello psicologico, ma anche educativo. Interagire con l’animale mette in moto il desiderio di curare un altro essere vivente, attendere i suoi tempi, sperimentando così la virtù della pazienza.
L’animale per il bambino è caricato di una grande valenza emotiva e le azioni di accarezzarlo e coccolarlo originano in lui un gradevole e sereno contatto fisico. Contatto che orienta alla stimolazione della creatività, del desiderio di conoscere e della capacità di osservazione.

Il bambino, giocando con il cane, vive un’esperienza unica e sperimenta emozioni fondamentali per il suo sviluppo: il rispetto, la tolleranza e il contenimento dell’aggressività.
Tutto ciò ha un forte impatto emotivo anche sull’area motoria, cognitiva e della socializzazione. In particolare, gli permette di portare alla luce eventuali problemi di adattamento e difficoltà di comunicazione, di relazione e di socializzazione.
Favorisce inoltre processi cognitivi di scoperta, di memoria, d’induzione, di comunicazione, di ricerca e sperimentazione. Interagire con un animale può voler dire sia processi di apprendimento più rapidi, sia imparare a prendersi cura di qualcuno diverso da sé.

 

torna al sito della Fondazione