La Casa dei Bambini Elena e Gabriella Miroglio guarda con molta attenzione al mondo esterno, cercando sempre di mitigare l’avanguardia con l’importanza del passato, non dimenticando i suoi oltre 50 anni di storia.
Il metodo educativo, infatti, è un insieme di varie filosofie di pensiero, in quanto prende il meglio di tutte per restituire qualcosa in più.

Nella pratica il metodo educativo de La Casa dei Bambini Elena e Gabriella Miroglio ha una forte connotazione Montessoriana, in quanto lascia un alto livello di autonomia al bambino.
Questa libertà non è però intesa come “i bambini fanno ciò che vogliono”, ma “i bambini vogliono ciò che fanno”.
Non esiste un vero e proprio materiale didattico, ma un materiale di sviluppo che il bambino può utilizzare quando vuole, per il tempo che vuole.

I giocattoli proposti si prestano ad essere utilizzati in modi diversi. Lo scopo è quello di stimolare la creatività.
Si riproduce la vita casalinga, si utilizzano piatti di ceramica e bicchieri di vetro: ciò fa parte del percorso educativo perché i bambini devono imparare dall’esperienza.
Presso La Casa dei Bambini Elena e Gabriella Miroglio si vive la trasmissione del sapere come un viaggio, nella convinzione che la curiosità scaturisca da esperienze dirette, dalla manipolazione, da attività di laboratorio, dall’osservazione e dalla scoperta delle piccole cose che generalmente si danno per scontate.

Il principio ispiratore de La Casa dei Bambini Elena e Gabriella Miroglio è la natura. Una natura che invade l’asilo in ogni forma. A partire dal logo che è composto da due fiori, che rappresentano le due donne a cui l’asilo è dedicato, Elena e Gabriella Miroglio. La pianta della struttura ha la forma di un fiore: ogni sezione è un petalo.
La natura è anche uno strumento educativo, con l’orto biologico, che i bambini coltivano con l’aiuto dei nonni ed è una buona fonte di materie prime per la cucina. Natura anche intesa come grande attenzione all’ambiente.
Oggi, grazie a un investimento importante in pannelli fotovoltaici, l’asilo è completamente autonomo dal punto di vista energetico e soprattutto permette un importante risparmio di emissione di anidride carbonica.

La Casa dei Bambini Elena e Gabriella Miroglio affida all’ambiente un ruolo educativo, proponendo un ambiente predisposto con cura e con grande attenzione al dettaglio.
Un ambiente bello, anche esteticamente, nella convinzione che la bellezza vada respirata fin da piccoli perché aiuta la creatività. Un ambiente però semplice, naturale, dai toni pacati e sommessi.
Anche l’arredo è a misura di bambino. I piccoli possono spostare i mobili, arrampicarvisi e trasformarli, con la loro immaginazione, in ciò che preferiscono.
Si dà molta importanza all’ordine, nella convinzione che ordine esteriore e interiore siano intimamente legati.

Nel nostro asilo si gioca molto all’aperto: adeguatamente vestiti, i bambini giocano fuori, qualunque sia la condizione climatica e la temperatura, anche sotto la pioggia o la neve.
Nel giardino della scuola i piccoli imparano a conoscere la natura osservando gli alberi, le foglie e i fiori colorati, oppure curando l’orto e le sue piante per vederle crescere, ma anche semplicemente per correre, saltare, giocare con la sabbia e con l’acqua.

 

torna al sito della Fondazione